Insegna a tuo figlio a giocare in modo autonomo con 6 semplici step
Per le mamme alla scoperta dei propri superpoteri

Bambini e tecnologia: quello che devi sapere

Scritto Da Silvia

Share on pinterest
Share on twitter
Share on facebook
Share on whatsapp

Che opinione hai su bambini e tecnologia? Prima di diventare madre, pensavo che non avrei mai lasciato che i miei figli stessero ore e ore come zombie davanti alla TV, o utilizzassero smartphone e tablet come babysitter. Poi mi sono ritrovata a gestire 2 bambini sotto i 4 anni e una neonata e le cose mi sono sfuggite di mano. Ho lasciato che i miei figli guardassero più televisione del dovuto. Ma dentro di me, sapevo che non andava bene. Oggi ti parlo del perché la TV è sconsigliata sotto i 6 anni. Puoi ascoltare il podcast qui sotto o leggere. E in ogni caso per sapere come ridurre le ore passate davanti a uno schermo a favore del gioco autonomo scorri fino in fondo.

I veri effetti della tecnologia sui bambini

Tutti sappiamo che tanta TV fa male, probabilmente i nostri genitori ci dicevano la stessa cosa anni fa. Secondo l’OMS, i bambini 0-2 anni dovrebbe evitare assolutamente ogni tipo di schermo, mentre per la fascia 2-4 i tempi complessivi davanti a uno schermo devono essere limitati a un’ora al giorno. Ma nell’era in cui viviamo evitare TV, computer e smartphone è davvero difficile, quindi per prendere una decisione informata ho fatto delle ricerche che mi hanno portata a eliminare completamente la televisione dalla nostra routine quotidiana.

Da queste ricerche è emerso che esiste uno stretto collegamento tra la TV e le seguenti aree: aggressività, attenzione, obesità, sonno. Anche se crediamo che la TV possa aiutare i nostri figli a stare calmi, sviluppare attenzione e a volte anche ad addormentarsi, in realtà è esattamente il contrario.

Aggressività

Più i bambini stanno davanti a uno schermo più si sviluppano comportamenti aggressivi ed emozioni contrastanti. Il cervello del bambino piccolo non è in grado di elaborare le immagini e gli stimoli provenienti da TV, tablet e smartphone, e non sa gestire tutti questi input, il che causa frustrazione, agitazione e dunque aggressività. Per non parlare del fatto che i bambini non distinguono tra finzione e realtà e cercano di ricreare nella realtà quello che il loro cervello percepisce tramite il bombardamento tecnologico.

Attenzione

Più i bambini stanno davanti a uno schermo più si abbassa la loro soglia di attenzione nei confronti di attività manuali, educative e pratiche, fondamentali per il loro sviluppo armonico. È vero che i bambini hanno una soglia dell’attenzione bassa, però sono comunque in grado di concentrarsi e sicuramente si può lavorare su questo aspetto sin da piccoli. Ma la tecnologia ha l’effetto opposto: rende i bambini dipendenti e incapaci di fare altro.

Obesità

Più i bambini stanno davanti a uno schermo, meno è il tempo passato a correre, saltare, giocare, bruciare energia, il che contribuisce all’aumento dell’obesità infantile. Tra l’altro, si radicano nel bambino abitudini che saranno difficili smontare da adulto, specialmente se si associano i tempi davanti a uno schermo con il consumo di snack poco salutari.

bambini e tecnologia - danni e alternative

Sonno

Più i bambini stanno davanti a uno schermo, più avranno difficoltà ad addormentarsi e a dormire in modo continuato tutta la notte. Il cervello del bambino, come quello dell’adulto, non riesce a spegnersi perché le immagini immagazzinate continuano a ripetersi come in loop.

Il mio esperimento

Queste ricerche sull’argomento bambini e tecnologia mi hanno spinta a fare un esperimento: di punto in bianco ad agosto 2019 ho comunicato ai miei figli che avremmo riservato l’uso della TV al weekend o a momenti speciali, eliminandola completamente dalla nostra routine quotidiana. I miglioramenti sono stati tanti e su vari fronti: i bambini giocano di più assieme, hanno imparato a giocare in modo autonomo, si dedicano a un’attività per tempi più lunghi, sono più creativi, sono più attivi a livello fisico, si addormentano prima e dormono meglio.

La soluzione

Con questi dati alla mano e con l’esperienza diretta della mia famiglia, ho creato delle risorse gratuite con un metodo infallibile per ridurre le ore di TV e incrementare le ore di gioco autonomo. Puoi scaricare il PDF da questo link, e ascoltare l’episodio n. 48 del podcast. Inoltre sulla mia pagina Facebook e sul mio profilo Instagram troverai altri video utili e interessanti al riguardo.

Ciao! Sono Silvia,
palermitana trapiantata in America, imprenditrice, moglie e mamma di 3 bambini. Appassionata di podcast e crescita personale, ho trovato il respectful parenting, una filosofia che ha rivoluzionato la nostra famiglia, dando a me e mio marito la possibilità di vivere la maternità e la paternità in modo sereno e rispettoso.

Ho fondato il progetto Mamma Superhero per condividere con te risorse, strategie e strumenti indispensabili per creare in casa tua un’atmosfera che promuove la crescita fisica, mentale ed emotiva del tuo bambino.
Entra a far parte della community dei genitori superhero! Inserisci qui la tua email.
    Post più recenti
    Scopri le 6 abitudini delle mamme superhero,
    iscrivendoti alla community MSH!
    Se non ricevi nulla, controlla le caselle spam e promozioni!
      Scroll to Top