Insegna a tuo figlio a giocare in modo autonomo con 6 semplici step
Per le mamme alla scoperta dei propri superpoteri

Errori meravigliosi: la skill che dobbiamo insegnare ai bambini

Scritto Da Silvia

Share on pinterest
Share on twitter
Share on facebook
Share on whatsapp

Vi racconto una storia. C’era una volta un bambino di 2 anni che con le sue piccole manine aveva cercato di prendere il cartone del latte. A un certo punto ha perso la presa e l’intero contenuto della busta si è versato a terra. La mamma lo ha guardato e gli ha detto “Che bellissimo pasticcio che hai fatto! Non ho mai visto una pozzanghera di latte così grande. Visto che il danno è fatto, vuoi metterti a giocare prima di pulire tutto?” Il bambino si mise a giocare e dopo qualche minuto la madre disse: Beh ogni volta che si fa un pasticcio del genere, alla fine bisogna pulire. Come preferisci farlo? Prendiamo uno straccio, una spugna o un asciugamano?” Dopo aver finito di pulire la madre disse “Abbiamo appena assistito a un esperimento fallito riguardo a come tenere in mano un cartone di latte. Andiamo in giardino così ti potrai esercitare con un cartone d’acqua e imparare a tenerla senza farla cadere” E così hanno fatto. Che lezione meravigliosa! Il bambino crebbe e divenne uno scienziato e ricordò sempre quel momento in cui aveva imparato a non avere paura degli errori. Gli errori sono opportunità per imparare qualcosa di nuovo. (Tratto da un libro di cui non ho più i dettagli)

Nel nostro cervello esistono delle connessioni neurali, che sono come una rete stradale. Ogni esperienza determina l’accendersi di determinati neuroni, che si collegano fra loro, e ogni volta che un neurone si accende vi è la probabilità che si accendano anche quelli sullo stesso percorso. Perché vi sto parlando di tutto questo? Perché è importantissimo che sin da bambini i nostri figli sviluppino connessioni neurali che li preparino a non avere paura degli errori.

Cosa vuol dire nella pratica? Mio figlio fa cadere un bicchiere d’acqua a terra, invece di rimproverarlo severamente gli chiedo con un tono calmo e cortese di prendere lo straccio e rimediare. Se sei come me e ti arrabbi facilmente, la prima volta non ti verrà automatico né facile. Ma con tanta pratica si può modificare quella risposta automatica e insegnare al bambino che succede a tutti di fare un errore, quello che conta è la nostra reazione.

Lo stesso vale per noi. Anche se siamo adulti il nostro cervello è comunque plastico e possiamo allenarci a modificare certi percorsi cerebrali. Quindi la tipica scusa “sono fatto così” è falsa, perché anche se ci capita sempre la stessa situazione che evoca esperienze o trascorsi negativi e che ci mette di cattivo umore o ci manda in depressione, possiamo con tanto impegno e lavoro sodo cambiare quelle connessioni neurali.

D’altronde gli errori e i fallimenti sono tali solo se non riusciamo a trarne una lezione. Se riflettiamo sul perché abbiamo commesso un errore o ci siamo comportati in maniera inopportuna e ci impegniamo a fare meglio la volta successiva, l’errore dà un risultato positivo.

Per approfondire l’argomento, ascolta l’episodio 23.

Ciao! Sono Silvia,
palermitana trapiantata in America, imprenditrice, moglie e mamma di 3 bambini. Appassionata di podcast e crescita personale, ho trovato il respectful parenting, una filosofia che ha rivoluzionato la nostra famiglia, dando a me e mio marito la possibilità di vivere la maternità e la paternità in modo sereno e rispettoso.

Ho fondato il progetto Mamma Superhero per condividere con te risorse, strategie e strumenti indispensabili per creare in casa tua un’atmosfera che promuove la crescita fisica, mentale ed emotiva del tuo bambino.
Entra a far parte della community dei genitori superhero! Inserisci qui la tua email.
    Post più recenti
    Scopri le 6 abitudini delle mamme superhero,
    iscrivendoti alla community MSH!
    Se non ricevi nulla, controlla le caselle spam e promozioni!
      Scroll to Top